Ucraina

La manipolazione delle informazioni e gli attacchi di disinformazione del Cremlino contro l’Ucraina sono cominciati molto prima dell’inizio dell’invasione su larga scala del 24 febbraio 2022. L’ecosistema russo controllato dallo Stato di manipolazione delle informazioni e ingerenze straniere, inclusa la disinformazione, ha fabbricato miti e falsi pretesti per invadere l’Ucraina per anni, a partire almeno dal 2014. Di fatto, i casi di disinformazione che hanno come obiettivo l’Ucraina costituiscono oltre il 40% di tutti i casi raccolti nel nostro database.

L’Ucraina non solo ha resistito alla brutalità dell’attacco della Russia, ma sta anche prendendo posizione a favore dei valori fondamentali di libertà, sovranità e diritto all’autodeterminazione, mostrando così al mondo il vero significato di coraggio. Inoltre, l’Ucraina ha affrontato campagne senza precedenti di disinformazione e manipolazione dell’informazione pro-Cremlino, a sostegno della guerra criminale della Russia. Mentre la comunità internazionale continua a sostenere la lotta dell’Ucraina per la libertà e la sovranità, deve anche impegnarsi per smantellare la falsa realtà sulla guerra che la Russia ha costruito grazie a menzogne e inganni.

Sono passati molti mesi da quando Putin ha scatenato la sua “guerra dei tre giorni” contro l’Ucraina, aspettandosi forse una rapida vittoria o credendo alle sue stesse menzogne e propaganda. Sfortunatamente, la guerra continua, sia sul campo di battaglia che nello spazio dell’informazione. EUvsDisinfo ha preparato una panoramica sulle bugie del Cremlino durante i primi 100 giorni di guerra e continua a monitorare e ad analizzare la disinformazione pro-Cremlino negli articoli e nella rassegna di disinformazione settimanale. Ad esempio, qui smascheriamo dodici falsi miti sulla guerra della Russia.

119 articles
Francofobi al Cremlino

Francofobi al Cremlino

Invece di inviare lettere d'amore all'Eliseo, l'apparato di disinformazione pro-Cremlino ha messo la Francia nel suo mirino diffondendo menzogne e una grossolana misoginia. Mosca ha forse paura di qualcosa?
Entroterra in fiamme

Entroterra in fiamme

La disinformazione del Cremlino sta passando dal ridicolizzare l'UE al diffondere accuse infondate e teorie complottiste sull'attacco terroristico al Crocus City Hall di Mosca, sfruttando questo tragico incidente per diffamare ulteriormente l'Ucraina e distogliere l'attenzione dalle turbolenze interne potenzialmente in aumento.
Pagine: 1 2 3 ... 12

Categorie

`

CLAUSOLA DI ESCLUSIONE DELLA RESPONSABILITÀ

I casi presenti nella banca dati di EUvsDisinfo si concentrano sui messaggi nello spazio informativo internazionale nei quali è stata individuata una rappresentazione parziale, distorta o falsa della realtà, nonché la diffusione di messaggi pro-Cremlino. Ciò non implica necessariamente che un determinato canale sia collegato al Cremlino o sia editorialmente pro-Cremlino, oppure che abbia intenzionalmente cercato di disinformare. Le pubblicazioni di EUvsDisinfo non rappresentano la posizione ufficiale dell’UE, poiché le informazioni e le opinioni espresse si basano sui resoconti dei media e sull’analisi della task force East Stratcom.

    CONDIVIDI LE TUE OPINIONI

    Informazioni sulla protezione dei dati *

      Subscribe to the Disinfo Review

      Your weekly update on pro-Kremlin disinformation

      Data Protection Information *

      The Disinformation Review is sent through Mailchimp.com. See Mailchimp’s privacy policy and find out more on how EEAS protects your personal data.